Il kit del pellegrino

Il kit del pellegrino

Lo zaino del pellegrino

L’equipaggiamento del pellegrino deve essere quanto più possibile essenziale e pratico. Viaggiare con lo zaino leggero, che non superi i 10 Kg di peso (acqua compresa), è fondamentale per la buona riuscita del pellegrinaggio! Lo zaino perfetto non è difficile da realizzare. Basta solo che il pellegrino lo prepari seguendo delle best practice:

I fondamentali del viaggio

Cosa portare nello zaino? Molto dipende dalla tratta che si intende affrontare: trovarsi sulle Alpi o sull’Appennino non è come camminare in pianura. Tuttavia, ci sono delle cose che possono essere definite fondamentali per il viaggio e che non variano di molto a seconda della stagione.

Elenchiamo l’equipaggiamento veramente indispensabile ad affrontare correttamente il cammino:

Inverno, solo per veri esperti

Intraprendere il viaggio sulla Via Francigena con il freddo è più complicato che farlo d’estate: il peso dello zaino aumenta, il percorso si fa più difficile e complicato, ci si può imbattere nella pioggia, nella neve o nel ghiaccio, asciugare gli indumenti diventa estremamente complicato. Nello zaino del pellegrino, in estate così come in inverno, non possono mancare i fondamentali che abbiamo già elencato.

La Via Francigena non è un percorso tecnicamente difficile, ma chi non è veramente esperto dovrebbe evitare il cammino in inverno. In ogni caso, occorre pianificare il viaggio nel dettaglio e informarsi con largo anticipo sull’apertura e la presenza di riscaldamento nelle strutture di accoglienza. I mesi migliori per affrontare il cammino sulla Via Francigena rimangono, infatti, quelli che vanno da maggio a settembre: tra marzo e aprile c’è ancora il rischio di trovare neve, ghiaccio e pioggia, quindi meglio evitare. Ultima, importante osservazione: in inverno il passo del Gran San Bernardo (Val d’Aosta) è chiuso!

Start typing and press Enter to search

Carrello della spesa

Nessun prodotto nel carrello.